Viaggio in bici tra vigneti e uliveti dell’azienda agricola Gargaro

pubblicato in: Viaggi in bici | 0

azienda gargaro
Cultura ed enogastronomia in un viaggio in bici

Viaggio in bici in una regione che può, a ragione, esser menzionata tra le più varie d’Italia. La Campania, terra di miti, leggende, storia e cultura è anche (direte soprattutto!!!) terra di produzioni eccellenti e prelibate.
Il nostro ciclo-viaggio di oggi, parte da Salerno, dove all’alba di un mattino caldo, accompagnati solamente da una leggera brezza ci avviamo dolcemente verso l’amato Cilento.
Il pedalare è dolce, la chiacchierata con il compagno d’avventura piacevole e rilassante, il sole che sorgendo asciuga il sudore della fronte ed i pensieri.
Il mare alla nostra destra ci saluta in uno sguardo d’amore, un abbraccio unico che si unisce alla vista dei monti voltandoci verso oriente. Un viaggio in bici è anche poesia e dalle nostre parole, probabilmente traspare la passione per questa magica terra.
Il lungomare quest’oggi sembra una lunga distesa deserta, le automobili sono davvero poche e cosi, presi anche dalla voglia di gustarsi l’itinerario fino in fondo, decidiamo di far tappa, dopo una trentina di km, presso i templi di Paestum.
Lo scenario suggestivo di questi colossi del tempo ci accoglie da lontano, il brusio dei turisti ci indica la strada in quell’unico tratto aperto solamente ai pedoni e l’immagine di esser catapultati in una  realtà cosi importante, eppur cosi vicina a noi, ci riempie di vitalità.
Decidiamo quindi di sederci su di una panchina e approfittare del meteo favorevole per una sosta; tutto in vista dello spettacolare scenario e dei sapori che attendono il nostro cammino

bike-friendly-templi-paestum

Da Paestum a Cicerale continua il viaggio in bici

Diciamo la verità da subito! La nostra pausa non è stata lunghissima, l’invito degli amici Giuseppe e Marco Gargaro (fratelli titolari dell’omonima Azienda Agricola Gargaro) ci rende attivi e vogliosi di raggiungere l’obiettivo.
Cosi, prendiamo via immediatamente verso l’ultimo tratto di mare, lasciamo alle spalle Agropoli e salendo dolcemente lungo il pendio che  conduce ad Ogliastro Cilento ci immergiamo nelle colline che portano a Cicerale.
Le pendenze non ci recano nessun danno, l’abitudine è forte e soprattutto i panorami cilentani alleggeriscono di gran lunga le nostre fatiche.
Siamo a  pochi passi dall’Azienda Agricola e dopo aver superato Finocchito, Monte Cicerale ed esser giunti nel paese, ci allontaniamo ancora per terre coltivate fino a giungere dai nostri amici.
Giuseppe e Marco ci accolgono alla grande e prima di farci degustare le loro prelibatezze ci conducono a visitare i propri vigneti e uliveti.
E’ qui che i “nostri” fratelli producono il loro vino e il loro olio, prodotti realizzati secondo la tradizione biologica che rispecchiano a pieno l’essenza di questa zona.

Azienda Agricola Gargaro – i Prodotti

vini gargaroAl termine della visita, finito il nostro viaggio in bici, ci sediamo a tavola, all’ombra proprio di un albero di ulivo secolare che ci fa immergere nei desideri culinari che ci avevano spinti al viaggio.
Vengono portate a tavola delle semplici fette di pane, sulle quali apprezziamo al meglio l’olio dell’ Azienda Agricola Gargaro. Olio extravergine d’oliva D.O.P. del cilento, realizzato esclusivamente con prodotti provenienti dalle proprie piantagioni che appartengono alle varietà Leccino, Frantoio e Rotondella. Tutte e tre varietà che vengono raccolte da Ottobre a Dicembre e lavorate entro il secondo giorno di raccolta. Una vera prelibatezza per il nostro palato.
Dopo l’Olio e dopo aver gustato insieme pietanze rispettose della dieta mediterranea, i fratelli Gargaro ci deliziano anche con il proprio vino, anch’esso prodotto secondo il metodo biologico e con uve selezionate dalla raccolta.
Proviamo, con piccoli sorsi (abbiamo un  viaggio di ritorno da affrontare!) le varie qualità, a partire dal Niuro (“Niuro come l’inchiostro che tinge e lascia il segno” – Paestum Rosso I.G.P. -Vitigno: Aglianico, Piedirosso – Grado alcolico: 13,5 % -Affinamento in barrique per sei mesi), per finire al Janco (“Janco il vino della festa, delle occasioni speciali” – Paestum Bianco I.G.P. –  Vitigno: Fiano, Malvasia -Grado alcolico: 12,5 %).
Un pranzo completo, una degustazione eccezionale, un’esplosione di sapori apprezzate in pieno dai nostri palati.
La giornata purtroppo volge al termine,  ma i sapori che l’Azienda Gargaro ci ha saputo regalare, hanno lasciato in noi emozioni uniche che miste all’esperienza della terra e del viaggio ci hanno donato una nuova esperienza da raccontare.
Riprendiamo quindi le nostre bici,  salutiamo gli amici e riprendiamo  per Salerno, convinti che un giorno i nostri passi ci riporteranno qui e il nostro “convivio” sarà allargato ad amici e a nuovi appassionati.





Lascia una risposta