Un viaggio in tandem alla scoperta del nostro territorio: il Cilento

Un viaggio in Cilento alla scoperta delle meraviglie che offre madre natura, sui sellini di un tandem con dietro una tenda e il minimo indispensabile per trascorrere un week-end fantastico, all’insegna della passione per la bici e per il nostro territorio, é l’avventura di due ragazzi che vogliono farci vivere le loro impressioni




L’importante non è arrivare ma viaggiare.

All’ alba del 2017 possiamo constatare quanto la società sia in continua evoluzione e, nonostante molti fattori siano mutati già da diverso tempo, il progresso non vede ancora un punto d’arresto. Ma ci siamo chiesti se c’è qualcosa che, seppur apparentemente irrilevante, ha resistito a tale cambiamento? A  volte le cose più semplici passano quasi inosservate, benché sia fondamentale accorgersi di quanto siano sempre presenti e valide. Ad esempio, se pensiamo agli oggetti banali che sono stati il passatempo finanche dei nostri avi, ci vien subito in mente il pallone da calcio, il mazzo di carte da gioco napoletane, e magari la bicicletta. Di quest’ultima ne troviamo ancora almeno una per famiglia, pure se in alcuni casi impolverata e lasciata in garage. È per questo che vorrei riportare la storia di una “due ruote” un po’ speciale, o meglio un tandem che è stato tirato fuori dal deposito in cui stava ormai da anni, per intraprendere chilometri e chilometri di strada ed incorniciare l’indimenticabile esperienza di due amici. Tra un ragazzo, esperto di ciclismo, e una ragazza che al contrario era solo affascinata da tale sport senza averlo mai esercitato proficuamente, è nata l’idea di una lunga pedalata da Salerno a Sapri. Il viaggio in tandem “Cilento coast to coast” ha trasmesso in soli tre giorni delle emozioni indescrivibili, grazie al panorama caratterizzato da posti idilliaci come Punta Licosa, Acciaroli, Ascea Marina, Palinuro, Marina di Camerota, Policastro Bussentino, e così via. Inoltre, la costa non è stata la sola fonte di stupore, alternata da percorsi in montagna, specie Lentiscosa (nei pressi di Marina di Camerota), Pisciotta (attraversando anche la zona interessata dalla frana), e dove i ciclisti hanno passato le due notti in tenda,rispettivamente Ascea e San Giovanni a Piro. Difficile raccontare in poche righe tutte le bellezze del Cilento. Non resta che organizziate subito anche voi una tale passeggiata cicloturistica, in modo che saranno i vostri stessi occhi a descrivervi così tanta meraviglia. Una bici, una tenda ed un cuore sono tutto ciò che è necessario per trascorrere pochi giorni fantastici, e magari per staccare la spina dalla solita vita quotidiana. Dal solo obiettivo iniziale di percorrere sulle “due ruote” Salerno – Sapri, ne sono incredibilmente scaturiti tanti altri, tra cui in particolare quello di agevolare i ciclisti nella ricerca di un comodo alloggio per poter pernottare e, al tempo stesso, fare la dovuta manutenzione alla propria bici; di questo dobbiamo il merito alla rete “Italy Bike Friendly”.  In conclusione, l’avventura vissuta da questi due ragazzi non concerne solo un invito, ma anche la preziosa dimostrazione di una diversa filosofia di ciclismo. In occasione del giro d’Italia, anni fa, una bambina si affacciava alla finestra della propria camera e aspettava con ansia che passasse la corsa dei ciclisti. Si soffermava ad osservare quella gara in cui ognuno cercava con tutte le forze di superare l’altro; quelle centinaia e centinaia di ruote che con intento deciso e competitivo giravano più rapide dei mulini a vento in piena attività. Pedalando per il Cilento, prima lungo la costa, poi per un più corto ma arduo e intenso tratto in montagna, quella stessa bambina, ora adulta, si è chiesta a cosa mai servisse tutta la fretta di quelle leggerissime biciclette in carbonio. Non capiscono che pedalare a 10 km/h significa anche godersi il panorama, e raggiungere la meta, che sia essa un traguardo o qualsiasi altro posto, non è tutto. L’importante non è arrivare ma viaggiare.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 





Lascia una risposta