Ex-Ferrovia Spoleto – Norcia in MTB: un binario di infinite meraviglie

pubblicato in: Viaggi in bici | 0

Spesso i più grandi capolavori dell’ingegneria italiana vengono dismessi e abbandonati a se stessi, mentre a volte vengono ripristinati e per di più trasformati in qualcosa di incredibilmente efficiente e incantevole. È il caso di un’ex ferrovia costruita nel 1926 per collegare Spoleto a Norcia, attraversando a scartamento ridotto il cuore degli Appennini. Fuori uso già dal 1968, oggi è stata tramutata in un percorso percorribile in mountain bike o anche a piedi.




Pedalando sulla vecchia ferrovia …

Il tracciato vanta 51 chilometri di strada semplice e tranquilla, le cui dolci pendenze non superano il 4,5%. Pertanto, un fiore all’occhiello per un itinerario cicloturistico. Rigenerare quei vecchi binari equivale a riparare un’apparecchiatura elettrica ormai fulminata, con un’iniziativa a sfondo naturale che, basata sulla sola forza motrice dei visitatori su due ruote, non è più sottoposta ai frequenti rischi degli impianti artificiali. Nell’attesa di adibire tale tracciato ad una pista ciclabile a tutti gli effetti, è nato l’evento “Spoleto – Norcia in mountain bike”, il quale già alla terza edizione ha attirato un elevato numero di partecipanti. L’ultima manifestazione è famosa pure per la presenza di due noti personaggi rispettivamente del mondo dello sport e della televisione, Davide Cassani e Simone Montedoro, che hanno pubblicizzato la pedalata, il territorio circostante, e il nobile scopo del progetto di donare i proventi alle zone terremotate. Inoltre, un percorso analogo è “la Assisi – Spoleto – Norcia” di ben 102 chilometri che si aggiunge al sentiero dell’ex-ferrovia, raddoppiando la mole delle bellezze architettoniche e paesaggistiche della Valle Umbra, grazie a paesini e borghi incantevoli seppur poco conosciuti, come Campello sul Clitunno, Castel Ritaldi, Trevi, Foligno e Spello, poi ponti, gallerie, viadotti, antichi mulini, luoghi di culto e siti storici che arricchiscono ulteriormente il rigoglioso panorama. Un universo di meraviglie caratterizza quindi il favoloso evento cicloturistico del Centro – Italia, trasmettendo un esempio di grande valore al resto del Paese, dove si celano tratti di fatiscenti infrastrutture a cielo aperto e nello stesso tempo, una favolosa ciclovia come quella umbra rimane un sogno lontano.

Vi invitiamo a visitare il sito ufficiale dell’itinerario della vecchia ferrovia

 

 

 

 

 

 




Lascia una risposta