Bici muscolare o e-bike? La grande disputa

pubblicato in: Bike News | 0

Viaggiare utilizzando soltanto la forza delle proprie gambe o farsi aiutare dai meriti delle nuove tecnologie? La discussione tra i cultori della bici muscolare e della e-bike aumenta; ed aumentano contrasti, differenze di vedute e altro in merito all’argomento.
Voi utenti cosa ne pensate? In questo articolo una nostra personale visione.




E-bike, l’evoluzione della bici muscolare che attira anche i puristi

e-bikePartiamo con il concetto che per noi, la bici e il viaggio, sono dei temi importanti che vanno di pari passo; come importante è il rispetto dell’ambiente e qualsiasi forma di turismo che punti all’eco-sostenibilità. Detto questo, bici muscolare ed e-bike  rientrano sicuramente negli standard bike friendly.
Inizialmente, la nostra passione che ci accomuna  anche con le numerose guide di MTB è nata dal muscolare. Quella voglia matta di mettersi alla prova, quella voglia di pedalare che con il sudore della fronte porta ad osservare e ad innamorarsi.
Innamorarsi dei posti, innamorarsi dei paesaggi e anche delle proprie potenzialità. Infatti, i primi passi sulla bici muscolare ci hanno sicuramente resi liberi, fatti diventare “uomini” pronti a sopportare diverse “sofferenze” e questi dettagli hanno contribuito alla nostra crescita.
Pedalare lungo una faticosa salita, sentire i muscoli accavallarsi e nello stesso instante spingere il pensiero e il cuore  oltre, sono sensazioni che non abbandoneremo mai.  Arrancare, sudare, faticare, concetti troppo importanti per poterli sostituire in toto con una rapida rivisitazione dei nostri parametri, salendo su una e-bike e credendo di non poter rivivere le stesse sensazioni.
Tuttavia, probabilmente è il concetto stesso di e-bike, di bici a pedalata assistita che è stato stravolto! Siamo convinti di conoscerne veramente il significato? O siamo semplicemente ciechi da vedere quel mezzo come un “motorino”?

Faticare e relax, il concetto di una e-bike

Detto ciò, siamo consapevoli che molti, siano convinti che una e-bike sostituisca in pieno lo sforzo fisico. Ed è qui, a nostro avviso che il concetto stesso viene smantellato. Infatti, dobbiamo assolutamente scostarci da questo presupposto mentale ed addentrarci all’interno di una nuova filosofia.
Viaggiare su una e-bike, non è “non faticare”, ma è (ed è un vantaggio per chi desidera fare di più ma ha poco tempo per allenarsi), un mezzo fantastico per pedalare, esser aiutati ed affrontare, pur faticando, percorsi che con le nostre forze, probabilmente avremmo difficilmente visionato.
Pedalare su una e-bike, è sicuramente un aiuto in più  (considerando anche le varie potenze di pedalata assistita), ma di sicuro non è un nascondersi dietro ad un pulsante magico! La fatica si sente, sicuramente affievolita ed agevolata, ma il cuore continua a pulsare e lo sforzo aerobico ed anaerobico è garantito!
I nostri test, effettuati nelle ultime settimane, ci hanno garantito ottimi risultati, apprezzatissimi anche dai puristi della bici muscolare che hanno affrontato ripidissime pendenze e sentieri più lunghi del solito, faticando ma potendo nello stesso modo affrontare più spazi e vedere più luoghi.
Noi, sicuramente saremo sempre affezionati alla muscolare, sia per una filosofia, sia per un fatto tecnico. Crediamo fortemente nella semplicità del mezzo per effettuare un viaggio; semplicità che deve rinvenirsi anche  in una facilissima riparazione che su un mini impianto elettrico o su un freno idraulico diverrebbero problematiche.
Nei prossimi giorni vi proporremo interessanti filmanti e test effettuati da amici e altre guide. Apriremo cosi una lunga discussione con i nostri utenti.





Lascia una risposta